SOTTO L'ARTICOLO DUE POESIE LA PRIMA E' DI ADRIANO PIERULIVO

25 Aprile a Portoferraio, Peria: Attenzione a non cadere nell'indifferenza

Scritto da Stefano Bramanti Venerdì, 26 Aprile 2013 07:11

Tutti schierati in piazza della Repubblica, a far quadrato intorno al monumento ai caduti, opera realizzata dal fiorentino Corrado Feroci, proprio durante il fascismo, nel 1922. Gonfalone del Comune di Portoferraio, bandiere tricolori e altri stendardi di associazioni, militari in alta uniforme, ex militari come bersaglieri, finanzieri, marinai, gente comune, bambini, il parroco Don Salvatore Gallo, che in precedenza aveva tenuto la messa, e la banda Filarmonica  Pietri diretta dal maestro Manrico Bacigalupi, poi il picchetto d'onore,  con al  centro della scena il sindaco Roberto Peria, circondato dei giovani del Consiglio comunale dei ragazzi,  ai quali è stato affidato il compito di lanciare messaggi sul giorno della liberazione. Il 25 aprile è stato celebrato dal primo cittadino, per la nona volta, ha tenuto a precisare e ha parlato con il cuore in mano, per dire di come  deve essere tenuta alta la memoria della storia, sul significato di questo giorno, festeggiato ogni anno, che ha consegnato a tutti una Repubblica italiana, dopo secoli di mancanza  di democrazia e libertà piena. “La storia non va dimenticata - ha detto  -non vanno dimenticati tutti coloro che hanno perso la vita per dare all'Italia la fine del nazifascismo oppressore. La memoria è fondamentale e fa capire ai giovani da dove veniamo. Il suo insegnamento è vitale per creare coscienze di uomini e donne del futuro, preparati e garanti di questa libertà conquistata a duro prezzo. Devono essere ancora vivi i ricordi di coloro che hanno fatto il massimo sacrificio, come tanti partigiani, i quali, come dice la nota canzone “Bella ciao”, chiedevano di essere seppelliti visto che i fascisti li uccidevano e non li seppellivano, per mostrare i corpi, accecati da quel potere, privo di ogni umanità  e senso reale della società, bisognosa di ben altro. E odio scatenò altro odio. Ricordiamoci- ha proseguito - che qui a Portoferraio, nel 1933, è stato fatto un processo ad un uomo che ha rappresentato le migliaia di persone perseguitate dal fascismo, quel Sandro Pertini che poi sarebbe diventato Presidente della Repubblica. Come lui uomini e donne hanno dato tutto per liberare l'Italia e va capita la potenza di tale messaggio. Uomini che poi, nonostante le diverse tendenze politiche, hanno saputo creare la nostra Carta Costituzionale, che ha dei principi eccezionalmente forti e significativi, come gli articoli 1, 3, 11 e tanti altri. Non dobbiamo far altro che cercare di attuarli,  per avere una vita più giusta, ancora da conquistare. Abbiamo bisogno di lavoro, di pace, di una condivisione per la risoluzione dei problemi esistenti. Notevole l'insegnamento di Giorgio Napolitano, presidente della Repubblica per la seconda volta, che ringrazio, il quale ci sprona a trovare soluzioni nuove e valide, per far progredire l'Italia, per una svolta di progresso, utile a creare una economia risanata, per dare al paese le risposte che tutti attendono, di lavoro e di giustizia”. Queste alcune delle parole pronunciate da Peria che ha concluso il suo intervento ricordando il dolore terribile di papà Cervi, per la perdita dei  figli fucilati per la loro lotta contro l'oppressore fascista. Insegnamenti importanti, insegnamenti per ogni cittadino deve portare con sé, coltivare e far comprendere bene alle nuove generazioni, in famiglia e nella scuola. L'inno d'Italia e la canzone “Bella ciao”,  suonati dalla Filarmonica, hanno concluso quindi l'evento, che senza dubbio ha lasciato un segno in molte delle persone presenti. Forse non in un giovanotto che sbadatamente telefonava ad alta voce, mentre il sindaco parlava. Adolfo Tirelli, ex finanziere, è prontamente intervenuto ed ha allontanato il tizio, che forse banalmente non si  era reso conto del disturbo che provocava. Una piccola ma significativa lezione. L'Italia più giusta si fa curando ogni dettaglio, una nazione più rigorosa, alla ricerca della piena democrazia.

 

pertini_sandro11
SANT’ANNA DI STAZZEMA 2012
Serra gli scuri, spengi la luce,
chiudi bene la porta
e chiama i bimbi.
Teniamoli vicini, abbracciati,
nella lunga notte che ci aspetta;
le aquile sono ancora nel bosco
e presto saliranno al paese
nascoste dietro i loro sottili
becchi adunchi.
Svolazzando e schiamazzando
suoneranno campanelli e fischietti
fino a quando,
col teschio sull’elmetto
verranno a bussare alla porta
lanciando fiamme dalla bocca,
con gli artigli protesi, ricurvi,
già conficcati nel legno;
spediti da un giudice triste
risalgono le cascate
del tempo negato
come se la storia
non avesse un prezzo,
come se in fondo
al pozzo dei ricordi
il pianto non avesse
sedimentato l’odio.
Ma basta la lacrima
d’un bimbo ucciso
o una scarpina di vernice
rimasta vuota
a seppellirli tutti,
loro e i giudici.
 
 
-------------------------
 
LIBERTA'
 
Mettiamo sulla tela bianca
i nostri cuori colorati.
come schizzi di libertà
mischiati col vecchio verde bianco e rosso
o un 'arcobaleno di luce
che tutti abbraccia
per imprigionare l'umanità

la tela colorata esplode suoni e diventa musica
e tra le tavole largo alle voci
che gridano sete e fame eterne
in cerca d'amore e giustizia disperse.

il fuoco dei colori arde la tela
e scorre il sangue di chi è finito
tra le pietre o nel mare .
per battere l'oppressore
inghiottito dalla morte

Lei, l'Italia, vive ora chiusa dentro la mia pelle
grinza di secoli di storia
pronta a spezzare il derma col corso degli eventi
e dalle membra parte la voce di un eco ribelle.

Oggi la tela è ingiallita
senza colori vivi
macchiata dal caos di un lucifero presidente
che non sa che mordere col potere
pronto a sprofondar negli abissi
se il volo non ritrova più le ali di libertà.
 

CIRCOLO CULTURALE SANDRO PERTINI dell’isola d’Elba Presidente onoraria Diomira Pertini

Questo sito utilizza cookie utili a migliorare la consultazione delle nostre offerte.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.