LO SGARALLINO 70 ANNI DOPO: Alla ricerca dei familiari delle vittime. Scrivere alla e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

da il vicinato

 
sgarallino
 
 

ilvicinato@ - Corrado Nesi, comitato Ristretto per la Memoria delle vittime: «Il 22 settembre di 70 anni fa, accadeva il più tragico episodio che l’Elba avrebbe dovuto subire durante la Seconda Guerra Mondiale. Il Piroscafo Andrea Sgarallino, di ritorno da Piombino, con a bordo circa 300 persone che rientravano all’Isola, nelle acque antistanti la rada di Portoferraio, veniva bombardato. Da quel momento, con quel gesto, si spezzano così tragicamente i legami terreni con i nostri cari, con gli affetti più veri e sinceri. L’isola piomba improvvisamente nel lutto e nella disperazione dal momento che ogni famiglia elbana ebbe, quel giorno, almeno un morto a bordo dello Sgarallino.  Ancora oggi, a così tanti anni di distanza, gli elbani tutti si sentono partecipi di quel dramma ricordando i defunti, civili e militari, che persero la vita tra le onde del loro mare e lo strazio e la sofferenza dei superstiti. Sabato 21 settembre p.v., in occasione del 70° anniversario del bombardamento dello Sgarallino, si terrà una cerimonia religiosa, presieduta dal Vescovo diocesano, Mons. Carlo Piattini, nella chiesa parrocchiale di San Giuseppe a Portoferraio dove è presente la Cappella Memoriale Vittime del Mare. Al termine, con una nave messa a disposizione dalla Moby Lines, verrà raggiunto il luogo esatto dell’affondamento e sarà benedetta e calata in mare una corona di alloro. È vero che sono passati tanti anni, ma si cercano familiari delle vittime per invitarli alla cerimonia. Sul piroscafo c’erano militari, civili e gente di passaggio. Coloro che si ritrovano nella lettura di questo articolo in qualità di parenti delle vittime, sono pregati di contattare il prof. Corrado Nesi all’indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.».

CIRCOLO CULTURALE SANDRO PERTINI dell’isola d’Elba Presidente onoraria Diomira Pertini

Questo sito utilizza cookie utili a migliorare la consultazione delle nostre offerte.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.