INTERVENTI E NEWS

AUSPICHIAMO INTERVENTI CHE NON SIANO DI STERILE POLEMICA, MA CHE POSSANO FAVORIRE UN DIBATTITO CIVILE ED UTILE AL PROGRESSO DELLA COMUNITÀ ELBANA, CONSIDERANDO ANCHE CHE CI SI ESPRIME IN UN SITO CHE PORTA IL NOME DI UN GRANDE PERSONAGGIO, UN PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA, UN UOMO CHE HA DEDICATO LA VITA ALLA COSTRUZIONE DELL'ITALIA DEMOCRATICA.



090518Cari lettori,
scrivo questa lettera perchè in qualche modo sento il bisogno di comunicare con i miei concittadini di questa meravigliosa isola, di questa “perla dell'arcipelago” che credo stia per imboccare una strada buia che spero possa non essere l'inizio della fine!!

Cosa intendo ve lo dico subito, sono anni che ormai l'Elba è conosciuta nel mondo per essere un isola piccola ma a suo modo Grande, in grado di offrire mare dai colori straordinari, flora e fauna unici nei loro generi, che si voglia o no, la nostra terra, la meraviglia di questa natura incontaminata, ci aiuta a sopravvivere, ognuno di noi, direttamente o indirettamente, vive grazie al turismo e tutti c'è ne dobbiamo rendere conto, dal singolo anziano che vede il turista come forestiero, fino all'albergatore, eppure anno dopo anno lasciamo che le autorità lascino decadere il valore e l'estetica di questo posto. Ho solo 27 anni e non riesco a capire come persone più grandi di me, o chi direttamente gestisce questo territorio non riesca a capire che è ora di riprendere in mano le redini e cercare di sistemare tutto ciò che per anni è stato messo da parte, in Italia si parla di crisi, ma sono convinta che siamo noi stessi a decidere del nostro futuro e della nostra terra, soprattutto in una realtà così piccola non dovremmo aspettare che il governo o le istituzioni migliorino la nostra qualità di vita, ma dovremmo rimboccarci le maniche aiutarci l'uno con l'altro e impegnarci per avere una prospettiva di vita migliore.

Partiamo solo da quella che è l'immagine della nostra isola, per motivi personali l'inverno sono costretta ad allontanarmi da casa e al mio ritorno vedo una realtà sempre peggiore, le nostre strade qualsiasi sia il versante, sono per lo più disconnesse, in condizioni spesso poco sicure, le aeree di sosta che dovrebbero appartenere all'ente Nazionale Parco, sono veri e propri covi di erbacce, le panchine e le strutture che dovrebbero contenere cartine o mappe illustrative sono inaccessibili, si preoccupano di pulire sentieri, ottima idea, ma di mille persone, turisti e non, cento camminano per i sentieri ma tutti camminano per strada!!; le spiagge, a stagione primaverile iniziata, sono ancora ricoperte di detriti, ogni paese mostra una serie di problematiche non indifferenti che basta fermarsi in edicola o al bar per sentire discorsi inerenti al fatto che tutto va male, alcune strutture commerciali, continuano ad esercitare senza alcun rispetto per i futuri clienti che dovranno ospitare credendo che il turista c'è e ci sarà sempre malgrado il degrado; per non parlare del discorso dei collegamenti per l'Elba, prima fra tutti il discorso Traghetti, cari veramente troppo “CARI” per quella misera ora di viaggio, siamo elbani nati e cresciuti su questa isola e permettiamo a persone che vengono da fuori di trasferirsi qui, di costruirsi un patrimonio e poi trattarci come esseri inferiori, di chi sto parlando, sono convinta che con poca immaginazione lo si possa capire, non credo sia giusto accanirsi così contro la nostra isola, facendo in modo che questa venga dimenticata perché inaccessibile, quando esistono posti che prevedono una tratta con molte ore di navigazione i quali biglietti vengono venduti a cifre irrisorie solo per conquistare il mercato!!Sono sbalordita da questa politica disonesta che viene applicata in quanto molti anni fa tutto questo non esisteva, si collaborava per riuscire insieme a garantire un servizio gradevole a prezzi competitivi e accessibili, ripeto in una realtà così piccola dovremmo essere tutti uniti perché in fondo lottiamo per lo stesso scopo, riuscire a lavorare, a guadagnare, e a crearci una vita per lo più dignitosa.

Mi chiedo ogni giorno come potremo andare avanti, adesso che la compagnia Toremar verrà privatizzata, dovremmo iniziare a pensare di poter collaborare solo con un operatore senza nessun tipo di concorrenza che possa garantire un mercato corretto, con questi prezzi “allora si che il lavoro non esisterà più per nessuno!!!”


Un'altra realtà negativa, legata ai trasporti è sicuramente quella dell'Aeroporto , siamo nel 2009, e per chi non se ne fosse accorto, i cittadini del mondo girano prevalentemente muniti di ali, e noi potremmo avere la possibilità di rendere il nostro Aeroscalo più consono sia all'utilizzo da parte di aerei di linea stranieri ed italiani, sia di aerei più piccoli come Piper o ultraleggeri, in Italia e all'estero centinaia di persone hanno la passione del volo e sono impossibilitati ad atterrare sull'isola per stupidi regolamenti emessi, mai controllati e mai presi seriamente in discussione dagli enti interessati.

Questi sono solo alcuni dei problemi di quest'isola visti dai miei occhi ma potrei andare avanti all'infinito, come ad esempio i parcheggi, c'è ne sono veramente pochi e molto spesso sono tutti a pagamento, questo non è decisamente carino per noi cittadini che viviamo e lavoriamo anche l'estate e dobbiamo fare piccole commissioni e tanti spostamenti, spesso ci ritroviamo con multe solo per scendere a ritirare la biancheria in lavanderia !!!

Adesso però mi fermo e vi chiedo di riflettere e cercare in qualche modo di far sentire la nostra voce, il nostro desiderio, miglioriamo insieme la nostra isola vi prego è un posto idilliaco e merita il nostro rispetto il nostro amore, ci ha già aiutato per anni senza alcun nostro sforzo adesso tendiamoli la mano, tocca a noi unire l'utile al dilettevole, riuscendo a preservare lo splendore di questa terra e a farne un posto migliore con i migliori servizi per i nostri turisti e per noi stessi!!!

Ognuno di noi può farlo a partire dalle piccole cose, dalla cura del suo giardino di casa a quella del suo paesello, siamo noi la nostra isola e il nostro comune, credetemi basta vivere qualche giorno in grandi città per capire ancor di più quanto siamo fortunati e quanto si può saper dare e avere da quest'isola che ci rende unici ogni giorno!!

Grazie per aver letto queste poche parole, spero che non siano risultate sbagliate ma che possano essere in sintonia con il parere di tanti e servire ad aprire gli occhi a chi ama tenerli chiusi!!!


Elisa Garbati (-Sant'Andrea-)

CIRCOLO CULTURALE SANDRO PERTINI dell’isola d’Elba Presidente onoraria Diomira Pertini

Questo sito utilizza cookie utili a migliorare la consultazione delle nostre offerte.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.