IL 12.5.14 UNA MINI ESCURSIONE CULTURALE ALLE FORTEZZE E ALLA TORRE PERTINI, CON ANNAROSA (MOGLIE DI ADRIANO PIERULIVO), LA SUA COLLEGA LUANA E I BIMBI DELLE ELEMENTARI MODIGLIANI UN ANDAR PER SENTIERI...CULTURALI

PIU' SOTTO LE CRONACHE DELLE ESPERIENZE DEI RAGAZZI ALL'ISOLA

E UNA RASSEGNA FOTOFRAFICA

ABBIAMO PROPOSTO UNA SORTA DI GEMELLAGGIO CON L'ELBA TRA ALUNNI LIVORNESI E QUELLI DI PF...VEDREMO SE PROSEGUIRA' UN DIALOGO...

ECCO I PRIMI COMMENTI DEI RAGAZZI ALL'INCONTRO ALLE FOTREZZE E ALLA TORRE PERTINI

 

A me sono piaciute molto le Fortezze, ma soprattutto il panorama che si vede da lassù in cima! Lorenzo Fiordi
Non immaginavo quante cose antiche e interessanti ci fossero all'Elba, grazie mille a te Stefano che me le hai fatte conoscere! Alice
Grazie per il bel giro che ci hai fatto fare, mi ha colpito molto la Linguella. Matilde
Grazie per averci portato a esplorare le fortezze: ho imparato molto. Tanti saluti dal tuo omonimo. Stefano Benvenuti
Ti ringrazio per avermi fatto leggere la lettera di Pertini alla Linguella.  Riccardo
La spiegazione che mi ha colpito di più è stata quella della Linguella, grazie: mi sono emozionato Alessio
Bellissime da dentro le fortezze, bella anche la spiegazione: molto ricca di dettagli e anche divertente. Bravo Stefano ti faccio i miei complimenti. Giacomo

 

la classe 5A delle elementari Modigliani di Livorno

Annarosa Gasparri, Luana Lorenzetti, i bambini in ordine alfabetico: Giacomo Asmone, Benvenuti Stefano, Bonaccorsi Greta, Cambi Alessio, Alice Cani, Ciccolini Stella, Congiu Jasmine, D'Acunto Riccardo, Fiordi Lorenzo, Gazzarrini Simone, Nieri Samoha, Perciavalle Aurora, Russo Cipriano, Saccani Matilde, Sarallo Lorenzo e la bimba di Luana: Francesca La Russa

Oggi ho fatto da Cicerone ad una classe delle elementari della scuola Modigliani di Livorno. Sono venuti all'isola per tre giorni per scoprire le bellezze naturali e certi luoghi storici come quelli delle fortificazioni della città medicea di Portoferraio, una città anche napoleonica. Infatti in questi giorni si celebra il bicentenario dalla presenza dell'imperatore esiliato, con numerosi eventi in cui sono coinvolti 300 rievocatori e sono numerosi gli appuntamenti culturali progettati dall'amministrazione comunale guidata da Roberto Peria. L'assessore Antonella Giuzio e il suo staff hanno fatto un programma che va fino al 2015. Ecco che è spuntata nella città anche una simpatica "vignetta" dipinta su di una porta della calata (che può essere anche giudicata inopportuna...è anche un imbrattare...) opera di un ignoto artista, in cui si vede un Napoleone forse meravigliato di tanta attività intorno alla sua figura, e in dialetto livornese dice la classica espressione labronica "Boia deh".

 

Ma torniamo ai nostri ragazzi della quinta elementare accompagnati dall'amica Annarosa Gasparri e la sua collega Luana. 16 studenti  simpatici  e vivaci ma anche attenti al momento giusto  per scoprire i segreti della città. Siamo stati alle fortezze medicee entrando da via Guerrazzi scoprendo con una certa meraviglia che anche degli studenti delle scuole statali italiane devono pagare tre euro di accesso per vedere le fortificazioni. Nei musei Napoleonici della villa dei Mulini e quella di San Martino entrano gratuitamente, come avviene in tutta Italia per le scolaresche. Ma il Comune di Portoferraio evidentemente ha bisogno di raccogliere un po' di soldi in questo modo e forse la tariffa potrebbe essere almeno più bassa. I 16 ragazzini hanno dovuto pagare 48 euro. Ho dato loro qualche notizia su come sono state costruite ( e quando) le fortificazioni, a partire dal forte Stella e il forte Falcone, nella parte più alta, quindi la torre della Linguella, con gli architetti Bellucci e Camerini e poi col Buontalenti, quindi altre caratteristiche della città, il porto, i panorami, le Ghiaie, Colle Reciso e tutto il complesso di fortificazion e via dicendo. Poi siamo scesi nella città bassa e abbiamo raggiunto appunto la torre ottagonale posta alla Linguella, dove si trova la Capitaneria di Porto della Marina, e si è potuto capire come nella torre sia stato recluso Passannante, l'anarchico attentatore del re Umberto I verso la fine dell'ottocento, e quindi nel 1933 Sandro Pertini antifascista, in attesa di essere giudicato in un processo al tribunale di Portoferraio, che aveva sede allora nell'attuale Comune. Due martiri in quanlche modo, una ha fatto una brutta fine, impazzito per le torture, l'altro con una vita da romanzo ha poi sconfitto il fascismo ed è addirittura diventato Presidente della Repubblica.

Un incontro davvero simpatico e piacevole, poi i ragazzi sono andati a visitare la villa di Mulini dove aveva preso la residenza Napoleone, che di certo soffriva molto senza fare poter fare la guerra da qualche parte...; il giorno dopo hanno raggiunto l'Enfola, il promontorio dove ha sede il parco nazionale dell'Arcipelago e si sono incontrati con Roberto Fiaschi il volontario che gestisce l'associazione "Il tempo per riflettere". Una parte del sentiero 108 che porta alla vetta del promontorio (dove si trovano bunker della seconda guerra mondiale) è dedicata appunto al riflettere, all'esprimere le proprie idee e sensazioni, con scritti e poesie ed anche i ragazzi livornesi, hanno potuto lasciare i loro messaggi che vengono esposti in una bacheca in mezzo ai pini. Ultimo giorno dell'escursione di questa classe è stata dedicata alla miniera di Calamita e quindi si è completato il loro viaggio alla scoperta dell'Elba. Magari non sarebbe male che qui sotto ognuno di loro scrivesse qualcosa su questa espereinza.....e poi ASPETTIAMO LE LORO FOTO DELLA GITA...   

                                         ragazzi
 

RAGAZZI LIVORNESI, UN INCONTRO CON IL "TEMPO PER RIFLETTERE"

Scritto da Stefano BramantiVenerdì, 16 Maggio 2014 08:18
ELBAREPORT

Mattinata piena di sole e di colori per la classe 5A delle elementari Modigliani di Livorno, giunti sull'isola alla scoperta delle bellezze naturali, della storia, ma anche del sentiero 108 dell'Enfola dove hanno potuto incontrare Roberto Fiaschi "padre" dell'associazione "Tempo per riflettere" che ha creato un'oasi letteraria tra gli alberi della zona a metà collina.

Ad attenderli nei pressi della casa del parco, oltre Fiaschi, anche il comandante della Forestale Fabrizio Cazzorla, con l'agente Attilio Grassi e il volontario Renato Giombini ex comandante dei grigioverdi. "Il Cazzorla ha spiegato ai bimbi - ha fatto notare Fiaschi-  i punti cardinali e come si calcolano le distanze in base alla scala di riduzione espressa nella cartina. Poi Giombini, esperto della macchia mediterranea, ha descritto le specie vegetali ai ragazzi, che hanno seguito con attenzione.  Quindi intorno agli alberi abbiamo lasciato i disegni che a scuola i bimbi avevano fatto, sul tema della bellezza, pattuito in precedenza con contati via internet,  e sui cinque sensi, nonché la poesia da loro realizzata che ha vinto il 1° premio ad un concorso indetto dall'Unicef".

 

 

La scolaresca e gli esperti hanno quindi raggiunto lo spazio di "Tempo per riflettere" e la 5A ha potuto conoscere dal vivo l'angolo delle poesie e ovviamente hanno esposto i loro scritti. "Infine abbiano raggiunto la vetta del promontorio - ha concluso Fiaschi- e sono stati accompagnati dalla Forestale all'interno del bunker con annessa breve spiegazione sulle costruzioni militari. Infine la sosta pranzo e mi ha colpito come l'ex comandante Giombini dimostrasse  un  grande entusiasmo pari a quello dei bimbi. Un vero amore per la natura che non finisce neppure adesso che è in pensione. Un fatto notato anche dalle maestre Annarosa e Luana,  capaci di guidare al meglio una classe viva e entusiasta". Per chi volesse attuare esperienze analoghe non ha che da scrivere alle seguente emailQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure dialogare su Facebook allo spazio che coincide con nome dell'associazione.

 

 

 

 

 

 

CIRCOLO CULTURALE SANDRO PERTINI dell’isola d’Elba Presidente onoraria Diomira Pertini

Questo sito utilizza cookie utili a migliorare la consultazione delle nostre offerte.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.